CONDIVIDI L'ARTICOLO

Con ordinanza in data 25/06/2019 (R.G. n. 13543/2019), il Tribunale di Torino ha accertato l’illegittimità delle segnalazioni alla Centrale Rischi della Banca d’Italia ed al Crif ove non precedute dalla preventiva informazione da parte della Banca di dette segnalazioni.

Con essa, in particolare, si statuisce che: 

  1. il periculum in mora (a seguito appunto di segnalazione illegittima) è in re ipsa, “atteso che un’ingiusta segnalazione produce di per sé un danno al soggetto segnalato, consistente nelle impossibilità di accesso al credito, e i suoi effetti risultano addirittura permanenti” (ciò in linea con la giurisprudenza di legittimità: ex plurimis, Cass. n. 12626/2010);
  2. riscontrabile è il fumus qualora in atti non vi sia la prova della preventiva informazione da parte della banca;
  3. pertanto, è applicabile, in materia, l’art. 4, comma 7, del Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi di informazione creditizia (applicabile al Crif), nonché l’art. 125, comma 3, del TUB (applicabile alla Centrale Rischi), che prevedono, in sintesi, detto preavviso;
  4. non condivisibile è “l’opzione difensiva della Banca che ritiene applicabile il principio di cui all’art. 21 octies, comma 2, della legge n. 241/1990”, secondo cui il provvedimento amministrativo non è annullabile per mancata comunicazione dell’avvio del procedimento in presenza di prova da parte dell’Amministrazione che il contenuto del provvedimento non avrebbe potuto essere diverso dal quello in concreto adottato.

In definitiva, pienamente condivisibile è la ratio decidendi di detta ordinanza là dove, pur se implicitamente, rileva la violazione da parte della Banca della clausola generale di diligenza e correttezza, ex art. 1175 c.c., nel caso di specie, direttamente collegabile all’obbligo del preavviso di segnalazione.

Ogni tanto, quindi, “una tirata d’orecchie” al sistema bancario che, di continuo, pone in essere torti nei confronti della clientela, non può che essere accolta in modo favorevole.

Bruno Spagna Musso

Scarica >> Trib. Torino 26.6.19

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *